Connettiti con
app android lemontube
i sandali femminili sono le scarpe più sensuali

Cose da donna

I sandali femminili: tra comodità e sensualità

I sandali femminili: tra comodità e sensualità

Le scarpe che vogliamo?

Senza dubbi i sandali!

Ho parlato varie volte sui sandali femminili, sarà perchè sono una grande amante delle scarpe ma ditemi, esiste una donna che non lo è?

Noi donne non vediamo l’ora di mettere in libertà i nostri piedi, adornandoli con dei sandali fantastici, ovviamente che abbiano alcune caratteristiche: Sensuali, comodi, efficienti.

Consapevolmente e inconsapevolmente la donna ama indossare un abbigliamento che le permetta di apparire carina e attrarre l’attenzione degli uomini. I piedi, come altre parti del corpo, attirano l’attenzione dell’uomo verso la donna.
Abbellirli è quindi un modo per sentirsi carine. Naturalmente varia da donna a donna.

Io ad esempio adoro i sandali, perchè penso, esprimano la pienezza femminile. Gli uomini forse non lo sanno ma per noi donne sono una passione o peggio, una vera ossessione. Ma cosa rappresentano le scarpe nella psicologia? Oltre ai gesti, alle espressioni e la mimica facciale anche le scarpe sono indicatori della personalità ed entrano in gioco nel linguaggio non verbale.

Ultimamente ho scoperto i sandali di Calzaveste.it devo dire che ho trovato svariati modelli; alcuni sensuali, alcuni casual, ma tutti hanno un’unica caratteristica; la comodità! Cosa che ultimamente esigo!

La scarpa specie quella estiva, quindi aperta, è sacrosanta per il gentil sesso. Quando sono giù di morale sapete cosa faccio? Compro un paio di scarpe. Ho una stanza piena, e puntualmente mio marito mi dice:  “ancora scarpe? Ma ne hai già troppe! La Shoes addiction è una mania che può colpire tutte.. in ogni momento: in America sull’Urban Dictionary è stato coniato il  termine “shoesaholic” per indicare una “persona che possiede più di 60 paia di scarpe”, e nel 2011 è uscito il primo documentario che esplora il legame intimo tra donne e scarpe analizzandolo dal punto di vista storico, psicologico e socioculturale dall’emblematico titolo “God save my shoes”.

Le scarpe aperte sono parte di ogni donna e per tal motivo identificano il carattere di ciascuna. Indossando i sandali esprimiamo noi stesse.

Ecco una scaletta:

  • Le scarpe appariscenti e colorate appartengono a persone ribelli.
  • Gli  stivaletti e gli anfibi sono indice  di personalità più aggressive.
  • Chi sceglie scarpe di marca o costose sono persone con attaccamento ansioso o persone che si preoccupano nella gestione delle loro relazioni
  • Chi indossa le stesse scarpe o scarpe un pò trasandate sono persone che hanno più difficoltà a formare relazioni, non badano al giudizio degli altri e tendono a  reprimere le loro emozioni.
  • Chi indossa scarpe perfettamente pulite, scintillanti e super modaiole sono persone con problemi di sindrome abbandonica: in questo caso sarebbero un modo per farsi notare.
  • Un tacco dodici è sinonimo di un carattere tendenzialmente imprevedibile e molto femminile, mentre le zeppe esprimono maggiore aggressività: sono considerate, più dello stivaletto, un’arma di dominio sul maschio.
  • A scegliere le sneaker sono le donne più sicure di sé, mentre quelle che amano le infradito hanno un carattere in cui prevale la spontaneità.
  • Nella scelta delle ballerine prevale l’ingenuità e in quella del mocassino l’astuzia.
  • A preferire i sandali sono le donne con un carattere tendenzialmente allegro e disinibito.

Concordate? Concludo dicendo che la mia scelta cade mille volte sui sandali; sono disinibita e allegra 🙂

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati per il mondo web in generale, dando una piccola priorità al mondo delle serie tv e del cinema. Amiamo moltissimo poi la tecnologia, e ovviamente siamo buon gustai, quindi ogni tanto in questo nostro blog magazine parleremo di qualche ricetta succulenta. Il nostro è un blog free, non siamo giornalisti ma amiamo tanto scrivere e condividere le nostre conoscenze.

Per saperne di più Cose da donna

Seguici

Abbonati Gratis

Top 5 Articoli del mese

Autori

Vai su