Connettiti con
il futuro degli smartphone

Smartphone

Le 10 tecnologie future dei produttori di Smartphone

Realtà virtuale e realtà aumentata, sensori di autenticazione biometrica o display flessibili

sono alcune delle tecnologie che miglioreranno l’esperienza degli utenti di telefonia mobile.

Il mercato degli smartphone sta diventando sempre più complesso e dinamico, ed insieme più maturo e volto ad un consumo di massa. Ma i progressi tecnologici degli smartphone, nonostante abbiano apportato grandi migliorie, spesso non vengono percepiti dagli utenti come critici per loro.

Roberta Cozza, research director di Gartner, ha condiviso su internet i risultati di uno studio sulle 10 tecnologie che non dovrebbero trascurare i fornitori di dispositivi mobili nel corso di quest’anno e in quello a venire: ricarica veloce, ricarica wireless, realtà aumentata e virtuale, videocamere a lenti multiple, sensori di autenticazione biometrica e altre tecnologie, assistenti personali virtuali (VPA), display flessibili o curvi, Wi – Fi  802.11 , USB di tipo C e schede SIM integrate o SIM card. Gli analisti di Gartner si sono poi concentrati su cinque principali potenziali aree di impatto: batteria, esperienza coinvolgente, esperienza personalizzata, tecnologia di visualizzazione e la connettività. Queste aree sono state scelte perché possono potenzialmente far fronte alle principali lamentele provenienti dagli utenti, espandersi a nuove capacità, sbloccare nuovi modelli di business o creare esperienze più coinvolgenti.

Assistenti personali virtuali

Nella Top 10 sono stati inseriti gli assistenti personali virtuali, poiché secondo Cozza, questa tecnologia rappresenta un cambiamento nel modo in cui le persone interagiscono con le macchine. “Sono disponibili su più piattaforme, tra cui iOS , Windows e dispositivi Android, tablet, PC, wearables, dispositivi a uso domestico“, ha spiegato l’analista. Secondo le previsioni di Cozza, nel 2020 il 40% dell’interazione mobile sarà facilitata dagli operatori intelligenti. In effetti, il 74% degli utenti smartphone attualmente utilizzano il VPA con frequenza, almeno una volta al giorno (38%) e più volte alla settimana (36%). Per Cozza, in generale, le esperienze VPA finora sono state deludenti per gli utenti che desiderano una maggiore interazione e notifiche proattive dei loro VPA in grado di offrire loro esperienze più personalizzate.

Tuttavia i VPA stanno cominciando a offrire esperienze più ricche, come nel caso di Cortana o del nuovo Assistente di Google. “Questo apre nuove opportunità per differenziare i fornitori di dispositivi, i proprietari di ecosistemi e gli sviluppatori VPA con la creazione di soluzioni intelligenti“, ha spiegato Cozza.

Biometria

L’autenticazione biometrica inizia ad apportare migliorie nell’esperienza utente attraverso i telefoni cellulari, permettendo loro di effettuare pagamenti o memorizzare dati personali più dettagliati. Per Cozza, è necessario migliorare la protezione e l’accesso al telefono.

I metodi di autenticazione biometrica andranno oltre l’impronta digitale, che costringerà i fornitori a lavorare a più stretto contatto non solo con i fornitori di tecnologia biometrica, ma anche con gli sviluppatori di software biometrico per ottenere soluzioni semplici e utili che possano essi conquistare gli utenti nel loro uso quotidiano di smartphone.

Le tecnologie biometriche stanno già mostrando i benefici nei test pilota e nelle implementazioni focalizzate sulla fornitura di una maggiore identificazione degli individui. Il prossimo passo sarà estendere l’uso della biometria ad altre aree al di là dell’autenticazione, come il rilevamento delle emozioni e degli stati d’animo.

Realtà virtuale o aumentata

Tecnologie come la realtà aumentata (RA) e la realtà virtuale (RV) si stanno evolvendo rapidamente. La RA già può essere utilizzata efficacemente sui dispositivi mobili. Per quanto riguarda la RV, come spiega Cozza, immerge l’utente in un ambiente completamente digitale attraverso esperienze sofisticate consentite dai dispositivi intelligenti come ad esempio il Samsung Gear VR, il VR 360 LG o Oculus Rift e HTC Vive, anche se questi richiedono high-end PC. “Mercati di consumo, giochi, eventi e film e video a 360 gradi saranno le principali aree di interesse per gli sviluppatori e creatori di contenuti. Tuttavia, un facile accesso ai contenuti e la distribuzione sono fattori critici per il successo“.

Inoltre, la RV offre opportunità in ambienti aziendali, poiché possono utilizzare la RV come strumento di marketing per offrire prodotti personalizzati  o come strumento per comunicare con i dipendenti. I settori dell’istruzione e della formazione sono altre aree in cui si stanno usando le applicazioni RV .

Gartner prevede che entro il 2018, il 26 % dei caschi di realtà virtuale (HMD) saranno  progettati per uso aziendale. Secondo Cozza aumenterà l’interesse e l’adozione di migliori tecnologie di visualizzazione, miglioramenti nel rilevamento e nel monitoraggio di hardware e software per cose come il movimento, i gesti, i movimenti della testa e degli occhi o la grafica in tempo reale. Inoltre, i crescenti sviluppi a 360 gradi  fornendo funzionalità di mappatura ambientale. Dispositivi di imaging 3D e 360 gradi potrebbero accelerare ulteriormente questa tendenza . La consulenza prevede che HMD con RA e RV vendere 40 milioni di unità nel 2020 , che fornisce la più grande opportunità di guadagno, con smartwatches .

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati per il mondo web in generale, dando una piccola priorità al mondo delle serie tv e del cinema. Amiamo moltissimo poi la tecnologia, e ovviamente siamo buon gustai, quindi ogni tanto in questo nostro blog magazine parleremo di qualche ricetta succulenta. Il nostro è un blog free, non siamo giornalisti ma amiamo tanto scrivere e condividere le nostre conoscenze.

Per saperne di più Smartphone

Seguici

Scarica l’app ufficiale di lemontube

Abbonati Gratis

Unisciti a 17.311 altri iscritti

Top 5 Articoli del mese

Autori

Vai su