Connettiti con
macchinette automatiche autostrade non funzionano

RIFLESSI

L’orrore delle macchinette delle tangenziali

Macchinette delle tangenziali

un vero orrore che dimostra quanto sia regresso il progresso!

Vi racconto qualcosa da far venire i brividi di rabbia, perchè dimostra quanto noi siamo poco tutelati e in un certo, fregati! Ecco il mio racconto:

Un pomeriggio, presi la tangenziale a Napoli, uscita Arenella. Ovviamente, c’erano le macchinette automatiche, questo perchè il comune va a risparmiare sul personale…. e poi dicono che manca il lavoro. Manca o lo fanno mancare? Inserisco 1 euro, perchè il costo è di 95 centesimi (che vergogna, una vera rapina per 3 minuti di strada, quando al nord sono gratuite). Riprendendo il racconto, inserisco i soldi e attendo che mi dia il resto di 5 centesimi.

Attendo più di 3 minuti, ma nulla, così premo il pulsantone rosso, chiedendo supporto. Nessuno risponde! Premo per la seconda volta, anche in questo caso nessuno risponde! La macchinetta della tangenziale, stupida continua intanto a dire: ” non scendere dall’auto, attendere il supporto” ora non ricordo precisamente la frase che continuava a dire, ma il senso era quello. Dopo circa 10 minuti, mi dà uno scontrino e mi alza la sbarra. Mi chiedo: “ma non ho chiesto lo scontrino, e i 5 centesimi di resto?” Con mio stupore mi accorgo che non era uno scontrino fiscale ma un mancato pagamento. Mi spiego, sul fogliettino c’era scritto: Mancato pagamento, numero targa, orario e casello, con codice di riferimento. Come un forsennato, fermo l’auto un pò più avanti, accendo le quattro frecce e mi reco dall’unico dipendente che c’era.

Ecco cosa risponde:

“Non preoccuparti, lo sanno che le macchinette della tangenziale sono sempre guaste. Tu controlla tra una settimana sul sito autostrade.it e vedrai che non ti hanno addebitato niente”. Così, visto che non potevo fare altro, mi misi in macchina e me ne andai.

Dopo una settimana

Dopo sette giorni, andai sul sito, inserii il codice di riferimento ed ecco i risultati:

Mancato pagamento di 95 centesimi, se il pagamento non verrà saldato entro 15 giorni, verranno addebitati dei costi aggiuntivi e bla bla bla.

Cioè vi rendete conto? Non ho ricevuto i 5 centesimi di resto e per giunta devo pagare altri 95 centesimi. Rapina, lavata, pulita e stirata!

Soluzione

Per chi ha la fortuna di aver beccato la macchinetta automatica non guasta, si premunisca in questo modo come farò io da oggi in poi. Ogni volta che ci si avvicina a queste macchinette infernali, prendere il cellulare e filmare il display, l’inserimento dell’euro e via discorrendo….Così nel caso anche a voi venga emesso lo scontrino di mancato pagamento, ci si potrà recare ai centri punto blu e mostrare il tutto. Dico di filmare il display perchè c’è data e orario, e dovrà ovviamente coincidere con quella del nostro video.

Atteggiamento sbagliato

Non fate i faciloni, dicendo: “vabbè si tratta di 1 euro”, perchè se ancora non ve ne siete accorti, in molte città d’Italia, la tangenziale non si paga più da una vita, e noi perchè dovremmo pagarla? Perchè i napoletani devono sempre essere fregati? 1 euro dopo l’altro, diventano migliaia!!!

Seguici su facebook e diventa nostro fan

[button url=”http://facebook.com/lemontubeofficial” target=”blank” style=”flat” background=”#0d4685″ size=”13″ center=”yes” radius=”0″ icon=”icon: thumbs-up”]Seguici su facebook[/button]

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continue Reading
Potrebbe piacerti anche ...

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati per il mondo web in generale, dando una piccola priorità al mondo delle serie tv e del cinema. Amiamo moltissimo poi la tecnologia, e ovviamente siamo buon gustai, quindi ogni tanto in questo nostro blog magazine parleremo di qualche ricetta succulenta. Il nostro è un blog free, non siamo giornalisti ma amiamo tanto scrivere e condividere le nostre conoscenze.

Per saperne di più RIFLESSI

Seguici

Scarica l’app ufficiale di lemontube

Abbonati Gratis

Unisciti a 17.312 altri iscritti

Top 5 Articoli del mese

Autori

Vai su