Connettiti con
cosa significa sei sneet

VITA DI COPPIA

Sindrome da rossetto se sei SNEET hai trovato il tuo posto nel mondo

Sindrome da rossetto se sei SNEET hai trovato il tuo posto nel mondo

Che belle le nostre labbra col rossetto vero?

 SNEET hai trovato il tuo posto nel mondo!

Sei SNEET? Scoprilo!

Sentirci parte di un gruppo ci rende esseri umani, è insito nella nostra natura. Ci iscriviamo in palestra o a corsi di cucina , trascorriamo del tempo con i colleghi di lavoro, partecipiamo alle riunioni di condominio, tutto a riprova di quanto, sotto sotto, pur difendendo il nostro individualismo, siamo animali sociali.

Fin da piccoli sperimentiamo le tappe dell’acettazione e dell’appartenenza, instaurando i primi rapporti interpersonali più o meno gerarchici. Ma da bambini è facile: maschietti e femminucce, grembiuli celesti o grembiuli rosa, pipì in piedi o pipì sedute. Fine della storia. Era guerra a prescindere.

Più si cresce e più le cose si complicano

Il gruppo di appartenenza più interessante è da sempre quello delle relazioni sentimentali. Le etichette ci assicurano stabilità, sono il nostro biglietto da visita sui social: “Sei fidanzata/o?” è una domanda di rito quando si chatta, una delle prime che ci pone l’interlocutore (mentre sapere se ci piacciono i cincillà, le petunie o se abbiamo mai visitato la Groenlandia non suscita il medesimo interesse, è chiaro). In ogni modo, siamo sempre dentro una relazione, anche se non in modo propriamente convenzionale: si è in coppia aperta/chiusa, friendzone, friends-with-benfits, fidanzamento ufficiale, relazione clandestina, relazione a distanza, conviventi, divorziati
sneet
astiosi o in modalità “scurdammoce o’ passato”, separati in casa, in pausa, e così via, in un crescendo esponenziale di possibilità intricate.
E i “diversamente accoppiati” dove li mettiamo? Se è vero che fino a qualche decennio fa le trentenni non sposate erano considerate delle sfigatissime zitelle destinate al deprimente ruolo di sciatte gattare, oggi la categoria single ha preso il sopravvento su quella degli sposati/fidanzati, in una declinazione tutta nuova, fresca fresca di conio. In un mondo in cui di stabile e duraturo è rimasto solo il salotto di Barbara d’Urso, se sei felice di non avere un partner e non lo stai cercando, non sei a caccia né in flirt, sei un/una SNEET, baby. SNEET è l’acronimo di  Single Not in Engagement, in Expecting, in Toying.
Essere SNEET presuppone un certo passato burrascoso alle spalle, un accumulo seriale di tranvate amorose da cui Adele potrebbe ricavare materiale per i prossimi sei album. Ciò non significa che gli SNEET siano tristi e sconsolati, tutt’altro: dedicano il loro tempo a migliorare sé stessi, confidando nel ruolo decisivo del destino, senza sprecare energie nella spasmodica ricerca del partner dei sogni. Fanno parte della categoria non solo i cuori infranti, ma anche gli indecisi, i cinici, gli irriducibili, gli eterni Peter Pan, le donne in carriera, gli impegnatissimi, gli asceti e i monaci tibetani, per ovvie ragioni logistiche.
Gli SNEET non scalpitano capricciosi per andare all’IKEA mano nella mano a scegliere asciugamani ricamati e tazzine a forma di stella marina fissando il partner con gli occhi a cuore, né tanto meno intendono sacrificare un cassetto della loro camera per fare spazio alle calze dell’altro; non vivono la coppia come un obiettivo olimpico da ottenere a ogni costo, per paura del rifiuto della società. Se sei SNEET hai trovato il tuo posto nel mondo (o l’hai accettato con cristiana rassegnazione), il tuo nirvana personale, e risponderai con un sorriso alla vecchia zia impicciona quando, durante il pranzo di Natale, ti chiederà davanti a tutti, con l’impeto punitivo della Santa Inquisizione: “Perché non sei fidanzata, cara? Non hai trovato nessuno che ti vuole?” “Sono una SNEET, ti è chiaro?” (nessuno sguardo rancoroso verso la parente inopportuna: se sei SNEET sei serena e sicura del tuo forse).
Non importa se dopo due ore starai piangendo accasciata sul divano cantando Caaaaaan’t liveeeee col mestolo in mano a mo’ di microfono, ripercorrendo le tappe più belle della tua ultima relazione tirata giù dallo sciacquone.
Zietta non lo saprà mai.
di Roberta Leu
Condividi
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati per il mondo web in generale, dando una piccola priorità al mondo delle serie tv e del cinema. Amiamo moltissimo poi la tecnologia, e ovviamente siamo buon gustai, quindi ogni tanto in questo nostro blog magazine parleremo di qualche ricetta succulenta. Il nostro è un blog free, non siamo giornalisti ma amiamo tanto scrivere e condividere le nostre conoscenze.

Per saperne di più VITA DI COPPIA

Seguici

Scarica l’app ufficiale di lemontube

Abbonati Gratis

Unisciti a 17.312 altri iscritti

Top 5 Articoli del mese

Autori

Vai su